in-toscana.it

hotel, ristoranti, spettacoli, cultura e tanto altro in Toscana

Vedi le nostre promozioni
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Condividi nei social network   

ZUCCHE GIGANTI SI SFIDANO IN TOSCANA
A Foiano della Chiana la sfida delle zucche
toscana (arezzo) foiano della chiana

pubblicato il 06/10/2015 11:19:55 nella sezione "News & curiosità"
Foiano della Chiana (Ar): Viene da Messina la zucca più grande d’Italia
Nel borgo toscano da tredici anni una festa dedicata alla cucurbitacea promossa dal Club “Amici della zucca”. Migliaia di visitatori alla Festa della Zucca per vedere da vicino i “giganti” dell’orto, ma anche per acquistare i prodotti tipici e artigianali del piccolo paese in provincia di Arezzo

Con il peso di 482 chilogrammi è stata la zucca di Salvatore Parafioriti, proveniente da San Marco d’Alunzio (Messina), ad aggiudicarsi la nona edizione del campionato nazionale di Pesa la Zucca, la gara promossa domenica 4 ottobre dal Club “Amici della Zucca” a Foiano della Chiana, il piccolo borgo medievale in provincia di Arezzo. La cucurbitacea dell’hobbista Parafioriti ha superato di gran lunga quella che si è meritata il secondo posto del podio, la zucca di Andrea, Anna e Pato Turmolli, provenienti da Calcio (Bergamo) con un esemplare di 420 Kg. Medaglia d’argento Loris Rosati di Umbertide (Perugia), con una zucca di 382 Kg. In tutto sono stati 20 i partecipanti selezionati da tutta Italia che hanno portato nel borgo toscano zucche per migliaia di quintali di peso. «Un successo cresciuto di anno in anno questo – spiega Vasco Agnelli, presidente del Club Amici della Zucca, realtà affiliata al Great pumpkin commonwealth americano – che premia la passione di chi come noi ha creduto in questa passione; oggi in Italia ci sono molte associazioni come la nostra, ma la festa di Foiano è l’unica in grado di riunire appassionati da tutta Italia che non con poco sacrificio portano fin qua questi esemplari giganteschi».

“Pesa la zucca” è stato come al solito il momento culminante della “Festa della zucca”, manifestazione in collaborazione con l’amministrazione comunale che per il fine settimana, dal 3 al 4 ottobre, ha animato il piccolo borgo in provincia di Arezzo con migliaia di visitatori accorsi per il mercato degli ortaggi e dell’artigianato locale. Giunta alla tredicesima edizione, la Festa della Zucca è nata dall’idea di un commerciante foianese che dopo una gita oltralpe vide una cosa del genere. «La mia passione viene da lontano e come mi disse mia madre sono nato sopra una zolla – continua Vasco Agnelli - quindi oggi mi reputo un decoratore di zolle, da qui la mia grande passione per l’ agricoltura, avendo la terra nel sangue». Questo ortaggio, una cucurbitacea specie maxima con gene gigante, ha entusiasmato negli ultimi anni molti coltivatori e hobbisti che hanno deciso di piantare esemplari del genere per poi confrontarsi in campionati di peso come questo.

L’associazione Amici della zucca, che organizza la manifestazione, è nata invece quindici anni fa, Il Club, fondata con slancio e spontanea passione da un gruppo di amici, ed oggi è iscritta alla Federazione mondiale Great Pumpkin Commonwealth ed alla associazione europea EGVGA. Dal 2008 la gara Pesa la Zucca! Foiano è iscritta al campionato mondiale e si terrà nel centro storico del paese, addobbato per l’occasione con colorate e coreografiche composizioni di tantissime zucche di molte specie. L’obiettivo principale degli organizzatori è quello di creare una suggestiva atmosfera, che pur discostandosi dalla solita sagra paesana, metta in risalto con la gara e con le varie iniziative collaterali in tema con la zucca, un frutto che per tanto tempo nel passato ha rappresentato una importante coltivazione della nostra campagna, anche se con fini e scopi diversi. Il Club Amici della Zucca, tramite il proprio sito www.decorazolla.it , oltre ad illustrare la passione per la zucca, tiene frequenti contatti con i coltivatori italiani, europei ed americani scambiando pareri ed esperienze diverse.
Leggi per intero ...

TORNA LA CITTADELLA ECOLOGICA DI LEGAMBIENTE TOSCANA
Dal 2 al 4 ottobre a Villa Montalvo

pubblicato il 14/09/2015 15:38:47 nella sezione "News & curiosità"
Villa Montalvo ospiterà tre giornate a tema ricche di appuntamenti per adulti e bambini. Ogni giorno ampio spazio alla cultura e all'intrattenimento, con convegni, dibattiti, degustazioni di prodotti tipici, laboratori, proiezioni cinematografiche e spettacoli di grandi artisti fortemente legati al territorio toscano. Il tutto nel pieno rispetto dell'ambiente!

VENERDI' 2 ottobre: giornata speciale contro le mafie

SABATO 3 ottobre: crisi climatica e cura del territorio

DOMENICA 4 ottobre: giornata speciale della degustazione e del buon cibo

INGRESSO LIBERO

La seconda edizione di Festambiente della Piana si caratterizzerà molto più apertamente come la Festa di tutti i territori della Toscana, che hanno un loro baricentro ideale nella grande Piana Metropolitana. La Piana, quindi, come metafora dell’intero patrimonio territoriale toscano.

Un festival che sarà dedicato alle tematiche ecologiche, sociali e culturali. Tre giornate in cui si alterneranno cultura, politica e intrattenimento, con serate a tema, concerti e spettacoli, proiezioni, mostre, attività e laboratori didattici per bambini. In più, stand espositivi di prodotti tipici, degustazioni di birra artigianale e due bio/bar in cui sarà possibile scegliere fra piatti della cucina tradizionale, vegetariani o senza glutine.

LE TRE GIORNATE A TEMA

La prima, (venerdì 2 ottobre) che si aprirà col taglio del nastro alla presenza delle Autorità, si caratterizzerà all’insegna dell’impegno antimafia. Con la naturale collaborazione di Libera e dei sui nodi territoriali. Sarà l’occasione buona per fare il punto sull’Osservatorio Regionale Ambiente e Legalità e sulle tante comuni iniziative di denuncia contro la corruzione, le infiltrazioni mafiose e le pratiche di riciclaggio di denaro sporco nel ciclo dell’edilizia, che tanto minacciano anche la nostra civilissima Toscana.

La seconda giornata (sabato 3 ottobre) affronteremo, invece, il tema della crisi climatica, a partire proprio dalla sua manifestazione più visibile ed estrema, che è il dissesto idrogeologico. Tema particolarmente interessante, dal momento che a partire da gennaio 2016 inizieranno le celebrazioni del 50° anniversario dell’alluvione di Firenze, la calamità “naturale” più importante della nostra Storia nazionale … La giornata sarà anche l’occasione utile per fare il punto sulle tante vertenze territoriali che “insistono” sulla Piana tra Firenze, Prato e Pistoia.

Domenica 4 ottobre, infine, gran finale all’insegna del buon cibo libero da pesticidi. La Toscana è stata, infatti, la prima Regione a vietare l’uso per le aree extra-agricole del glifosate, l’erbicida più diffuso al mondo, ma giudicato anche cancerogeno per l’uomo dall’OMS. Il divieto riguarda bordi stradali e parchi pubblici, ma andrebbe esteso anche all’agricoltura, come le buone pratiche di produttori biologici e biodinamici insegnano. A un mese scarso dalla chiusura di Expo 2015, sarà anche un modo per fare il punto, alla nostra maniera, sulle buone pratiche “per nutrire il pianeta …”, contro ogni spreco alimentare, e in vista della concreta realizzazione del Parco Agricolo della Piana. Sarà l’occasione per degustare pane nostrano, vini al naturale, birre artigianali, ortaggi e frutta di stagione a filiera corta …

ATTIVITA' E LABORATORI PER TUTTI

Ogni giorno Festambiente della Piana ospiterà un'ampia scelta di attività gratuite aperte a grandi e piccini. Verranno organizzate visite guidate alla scoperta degli alberi della villa, una caccia al tesoro a tema ambientale, workshop e laboratori per esplorare il mondo della musica, del riuso creativo e dell'alimentazione. All'interno della villa sarà inoltre possibile assistere a presentazioni di libri, visitare una mostra didattica sul lupo e una sugli alberi, mentre all'esterno verrà allestita un'area di gioco libero, con fogli, matite, pennarelli e tutto ciò che serve per liberare la fantasia.

IL PROGRAMMA SERALE

Ogni sera, a partire dalle 18.30, la limonaia di Villa Montalvo ospiterà il "Clorofilla Film Festival", che quest'anno vedrà la proiezione di due film ed un documentario, selezionati appositamente per ricalcare i tre temi portanti della festa. Dalle 21.30 poi, ampio spazio allo spettacolo! Sul palco della villa infatti passeranno attori e musicisti, tutti estremamente legati al territorio toscano, per un'offerta ogni volta diversa, che spazierà dalla prosa, alla musica rock fino ad arrivare alla rivisitazione "junk" di celebri brani italiani ed internazionali.

LE BUONE PRATICHE DEL FESTIVAL

Un vero e proprio villaggio ecologico, dove verrà realizzata la raccolta differenziata dei rifiuti, dove saranno privilegiati i prodotti alimentari biologici, tipici e a km zero, l'acqua usata è quella pubblica, verrà promosso l'utilizzo dei mezzi di trasporto locali e le emissioni dell'evento verranno annullate con AzzeroCO2, che quest'anno sostiene la produzione di carbonella riciclata in Cambogia.

Il programma dettagliato e completo della festa e le novità esclusive verranno presentate nella conferenza stampa di lancio di Festambiente della Piana, che è già fissata per venerdì 18 settembre alle ore 11.00 alle Giubbe Rosse (Piazza della Repubblica, a Firenze).

Ingresso libero: ore 10.00 / 23.00



Leggi per intero ...

PASCOLO 2.0, PECORE COL CHIP E OVILE COMPUTERIZZATO PER IL PASTORE PIU' HI TECH D'ITALIA
In Maremma si fondono tradizione e innovazione
toscana (grosseto)

pubblicato il 15/07/2015 12:28:30 nella sezione "News & curiosità"
"Pascolo 2.0, pecore col chip e ovile computerizzato per il pastore più hi-tech d'Italia
Luigi Farina: «È un approccio non usuale per le pecore, mentre è molto usato negli allevamenti di mucche. Rispetto dalla tradizione e minor stress per gli animali. Adesso spinta "ultrabiologica” alla produzione»

Pecore con il chip, sensori, controlli continui del foraggio e dei processi di produzione. Nasce così, con la tecnologia che guarda al futuro, il formaggio che sa di storia e di tradizione. La tecnologia, dunque, per fare cibo più sano e naturale.
Pastore hi-tech. Il pastore più hi-tech d'Italia, che alleva le proprie pecore all'aperto, le pascola per far mangiare loro erba tutto l'anno, e le munge con il computer si chiama Luigi Farina e il suo allevamento si trova ad Albinia (Gr), in quella Maremma dove è ancora forte il legame con la tradizione. E dove in mezzo a campi e aria incontaminati, si trovano le stalle e gli animali di Luigi Farina dotati di una tecnologia che, almeno in Italia, non si trova negli ovili, ma negli allevamenti di bovini e raramente in qualche allevamento di bufale.
Pecore con il chip e ovile computerizzato. Ogni pecora di Farina, famiglia sarda ma da generazioni trapiantata nel grossetano, è dotata di un microchip attraverso il quale è possibile conoscere lo stato di salute dell'animale, la sua vita, quanti parti ha effettuato e se deve e può essere munta. Un percorso gestito da computer conta le pecore, le divide secondo le necessità, le guida verso la mungitura se sane, o verso una zona di quarantena se presentano qualche problema, come, ad esempio, la mastite.
Tradizione e ricerca universitaria. «Si tratta di un approccio non usuale per le pecore, mentre è molto impiegato per le mucche», spiega Luigi Farina, convinto sostenitore del principio che si possano valorizzare al meglio le produzioni tradizionali solo applicando i principi più innovativi di scienza e tecnologia e con un’attenzione massima all’ambiente. «La realizzazione dei software e della tecnologia di gestione dell'allevamento è importata da Israele, dove è diffusa negli allevamenti più grandi e consente risparmi in termini di risorse ambientali ed economiche, nonché livelli estremamente più bassi di stress agli animali».
Produzione bio con controlli continui. Erba, integrazione con foraggio fresco, fieno, sono tutti quanti prodotti in azienda e seguono i dettami della produzione biologica fino dal 1995 per arrivare nel 2001 alla certificazione bio. Ma Luigi Farina vuole andare ancora oltre il certificato e recentemente ha affidato a BsRC Bioscience Research Center (http://www.bsrc.it), centro ricerche con sede a Fonteblanda (Gr), il controllo della filiera produttiva, per implementare ulteriormente la qualità dei prodotti e diminuire gli impatti ambientali dei processi.
Foraggio e ambienti puliti. «Farina produce formaggio biologico con il minimo impatto ambientale, con basso consumo di acqua e con l'impiego di risorse ed energie da fonti rinnovabili, come i pannelli solari. Insomma ha una grande attenzione all'ambiente e al risparmio di risorse. Il nostro lavoro è di selezionare erbe per il foraggio che abbiano una ancor più bassa water foot print, e che abbiano ricadute positive sulla qualità del latte e del formaggio prodotto», spiega Monia Renzi, amministratore di BsRC. «Uno dei nostri obiettivi principali è selezionare il foraggio che porti ai migliori risultati dal punto di vista della produzione di latte, della sua composizione in nutrienti e dell’implementazione della presenza di sostanze benefiche», commenta Cristiana Guerranti, esperta in sicurezza alimentare e direttore scientifico del centro ricerche.
Una produzione che va verso l'ultrabiologico. «Vogliamo arrivare - continua Guerranti - a ottimizzare il latte per produrre un formaggio migliore in termini di salubrità, di rispetto per l’ambiente e di costi. Stiamo valutando la qualità degli ambienti di vita degli animali, degli ambienti di stoccaggio del foraggio e del latte e di produzione del formaggio, per monitorare i contaminanti che normalmente sono presenti in ogni ambiente, anche quelli non previsti dalla legge sul biologico, e intervenire per abbassarne drasticamente i livelli. Con questo approccio otterremo un prodotto ancora più pulito e salubre, che ci piace definire “ultrabiologico”».
Leggi per intero ...

ANCORA SELEZIONI AL TERME DI CHIANCIANO GARDEN FESTIVAL
Fino a un massimo di 8 i progettisti selezionati
toscana (siena) chianciano terme

pubblicato il 20/04/2015 11:44:50 nella sezione "News & curiosità"
Proseguono le selezioni degli 8 progettisti che parteciperanno al Terme di Chianciano Garden Festival per realizzare altrettanti giardini creativi e sono già numerosi i professionisti che hanno richiesto informazioni per partecipare.
Particolarità della manifestazione sarà la durata perché i giardini realizzati rimarranno esposti all’interno del Parco Acqua Santa delle Terme di Chianciano, dal 20 giugno al 25 settembre 2015 per essere visitati dal pubblico naturale del parco (che si attraversa anche per entrare alle Terme Sensoriali) e dai curiosi e professionisti che arriveranno appositamente.
Particolarità interessante visto che, come racconta Ludovica Ginanneschi, Art Director del Festival “I garden festival in cui i giardini creativi a tema rimangono in esposizione per un’intera stagione costituiscono un trend in grande crescita all’estero, mentre in Italia non ve ne è traccia. Terme di Chianciano ha raccolto con entusiasmo questa tendenza creando l’opportunità per designers, italiani e non, di esporre le proprie creazioni nel cuore di un luogo che è stato considerato a lungo la terra dei giardini e che vuole riconquistare presto questo titolo.”
La selezione è aperta a garden designer, architetti, agronomi e a chiunque abbia le competenze per progettare un giardino; sponsor ufficiale del Terme di Chianciano Garden Festival il vivaio Margheriti Piante che offrirà gratuitamente le piante necessarie inoltre, a tutti i progettisti selezionati andrà un contributo di 1000,00 euro. Un’occasione da sfruttare soprattutto per i giovani professionisti che vogliono farsi conoscere in questo mondo e soprattutto contattare possibili clienti che possano poi acquistare i giardini o richiedere dei preventivi su misura.
Perché quindi partecipare all’evento? Risponde Simona Cavaliere, Art Director del Festival. “E' quindi un' occasione non solo per architetti paesaggisti e designer del verde, ma anche per artisti e creativi per cimentarsi con la progettazione di spazi verdi liberi dalle limitazioni di tipo funzionale che caratterizzano i giardini formali e tradizionali e anche per esplorare soluzioni di design innovative attraverso la declinazione del tema del concorso. Inoltre - prosegue Simona Cavaliere, - a differenza di molti altri paesi europei come l'Inghilterra, la Francia, la Spagna e il Portogallo, dove i garden festival sono manifestazioni di tendenza e che esercitano un forte richiamo nei confronti dei garden tourists e degli appassionati, in Italia non esiste un evento simile, che offra ai designers la visibilità delle creazioni per molti mesi.”
Il terme di Chianciano Garden Festival è organizzato da Terme di Chianciano con il patrocinio del Comune di Chianciano in Toscana anche per valorizzare un territorio, in provincia di Siena e a cavallo fra Val d’Orcia e Val di Chiana, unico in Italia dal punto di vista paesaggistico.
Per maggiori informazioni inerenti Terme di Chianciano Garden Festival e per scaricare il bando
festival@termechianciano.it
+39 0578 68256
+39 0578 68358
http://gardenfestival.termechianciano.it

Leggi per intero ...

SANTISSIMA TRINITA' TRIONFA ALLA GIOSTRA
Vince il giovanissimo Giacomo Perugini

pubblicato il 16/08/2014 12:56:06 nella sezione "News & curiosità"
SARTEANO – Giacomo Perugini, per la contrada di Santissima Trinità, ha vinto un’appassionante Giostra del Saracino dopo un testa a testa di stoccate, finite allo spareggio, con Claudio Rossi di San Bartolomeo. Va in archivio una delle giostre più combattute, per l’altissimo livello dei giostratori, con l’aggiunta di un esito sorprendente, perlomeno stando ai pronostici della vigilia. Perugini non partiva da favorito ma, dopo i cinque anelli su cinque con i quali la sera del 14 agosto si è aggiudicato la Provaccia, qualcuno ha iniziato seriamente a credere alle sue potenzialità.

In ogni caso, Perugini aveva solo l’esperienza di tre gare. Poca cosa rispetto a Tony Bartoli, plurivincitore per San Lorenzo e altri giostratori d’esperienza, dominatori in diverse edizioni come Fabio Tamagnini di San Martino e Claudio Rossi di San Bartolomeo. Altra possibile sorpresa poteva essere quella di Francesco Fabbrizzi di Sant’Andrea che invece non è riuscito a trovare la giusta concentrazione in piazza.

Perugini è subito partito bene, senza sbagliare nelle prime tre carriere. Il passo falso arriva alla quarta stoccata. A quel punto Bartoli, che aveva fallito solo la seconda (complice un cavallo poco disciplinato che lo ha costretto all’errore), raggiunge il giostratore di Santissima Trinità. Lo fanno anche Rossi e Tamagnini, che erano partiti male, sbagliando all’inizio della gara. Più di sempre, la quinta carriera diventa decisiva: con quattro potenziali vincitori e un’unica stoccata a disposizione.

Nonostante la terribile pressione psicologica, dovuta alla rimonta dei tre giostratori di San Bartolomeo, San Lorenzo e San Martino, Giacomo Perugini dimostra di avere la stoffa del campione, centrando l’anello. Bartoli e Tamagnini sbagliano, ma Rossi riesce a trascinare Santissima Trinità allo spareggio. Piazza infuocata: alla prima carriera vanno a segno entrambi. Giacomo, che parte primo, con precisione e stile infiniti, infila anche il sesto punto, mentre Rossi scheggia solo il bordo dell’anello, che schizza dall’asta e finisce a terra, beffardo. Si vede che il destino ha deciso di premiare un ventenne molto amato e conosciuto, al punto che la festa è stata di una piazza intera.

Santissima Trinità ha vinto anche nella competizione per i migliori tamburini, con Margherita Perugini e Riccardo De Simone. I più bravi sbandieratori sono stati Giorgia e Lorenza De Somma per San Lorenzo, mentre il miglior corteggio è stato quello della contrada di San Bartolomeo.
Leggi per intero ...

ULTIMO CIAK A RADICOFANI
Il rifugio di Ghino di Tacco diventa protagonista al cinema

pubblicato il 09/08/2014 09:20:14 nella sezione "News & curiosità"
RADICOFANI – A Radicofani in questo fine settimana c’è stato l’ultimo ciak della “Scuola più bella del mondo”, film diretto da Luca Miniero, con artisti come Christian De Sica, Rocco Papaleo, Angela Finocchiaro, Miriam Leone, Lello Arena. È la storia di una scuola “perfettina” della Val d’Orcia a confronto con l’allegra confusione di una scuola di Acerra, in un dialogo tra culture e stili di vita condito da sprazzi di comicità. Radicofani ha svolto un ruolo da protagonista in questa trama, fornendo luoghi e scenari, anche più del previsto. Da una sola scena che doveva essere girata in fortezza, si è passati a circa un mese di riprese, dopo che il regista Miniero è stato ben impressionato dal centro storico, dal Bosco Isabella, dalla Posta medicea e da piazza San Pietro. Il rifugio di Ghino di Tacco, quindi, ha avuto il compito di rappresentare le bellezze della Val d’Orcia, territorio preso a emblema di un’Italia agognata, e che funziona.



“La scelta di Radicofani è stata la nostra fortuna – commenta Beppe Serra, senese adottivo, responsabile dell’organizzazione - per l’accoglienza straordinaria che abbiamo avuto. C’è stata la massima diponibilità da parte di tutti i cittadini e da parte del Comune, che hanno assecondato ogni nostra richiesta”. Il film è stato l’occasione per dialogare con attori e troupe, per offrire collaborazione, stringere amicizie. Del resto, a Radicofani sono abituati a ricevere personaggi famosi, pellegrini e viandanti, da secoli. Qui hanno sostato Mozart e Dickens, papi e imperatori, personaggi della cultura e artisti, anche in tempi recenti. Normale, o quasi, che ora sia arrivato il mondo del cinema. Tant’è che il borgo di ottocento abitanti ha continuato la sua vita quotidiana, in questo periodo condita da spettacoli estivi, feste organizzate da contrade o associazioni, convivendo con discrezione con telecamere, fari, attori famosi. Rocco Papaleo si è complimentato con il sindaco Francesco Fabbrizzi e si è detto “meravigliato dai paesaggi, dalla bellezza e dalla pulizia dei borghi”, condividendo un’opinione comune con chi ha visto Radicofani e la Val d’Orcia per la prima volta. Ovviamente è particolarmente soddisfatto il sindaco, che vede in questo film “un’opportunità per dare giustizia al valore al nostro territorio, al suo patrimonio culturale e paesaggistico”. Intanto, il cinema ha richiamato l’attenzione dei più importanti tg italiani e portato lavoro a negozi, ristoranti, alberghi, artigiani e comparse. Ma si vuole evitare una pubblicità sporadica. “Dobbiamo recuperare l’antica Posta medicea – aggiunge Fabbrizzi - attualmente di proprietà privata, e pensare a un progetto di rilancio. Il nostro Comune è stato penalizzata dalla viabilità che si è spostata a valle, ma ora può giocare un ruolo importante grazie alla Francigena, al parco della Val d’Orcia, e dialogando con i Comuni che condividono con noi un alto grado di autenticità”.
Leggi per intero ...

LIONS TOSCANA 108 LA
Concorso Lions per la Sicurezza Stradale

pubblicato il 03/05/2014 11:03:20 nella sezione "News & curiosità"
Molti Istituti scolastici hanno aderito alla iniziativa dei Lions, facendo realizzare al alcuni allievi i filmati che seguono. Un grazie alla comprensione degli istituti ed un bravissimi ai giovani che si sono cimentati in queste realizzazioni
Leggi per intero ...

Gonnelli Casa d'Aste di firenze: on-line il catalogo dell'asta di primavera con interessanti Top Lot
toscana (firenze) firenze

pubblicato il 23/04/2014 09:40:20 nella sezione "News & curiosità"
Firenze - Gonnelli Casa d'Aste
16 maggio 2014 - 17 maggio 2014

"E' on-line il nuovo catalogo della
prossima asta di primavera della Gonnelli Casa d'Aste, la storica azienda di Firenze che dedica il suo impegno ed il suo lavoro nella ricerca di importanti pezzi librari


L’asta del 16-17 maggio alla Gonnelli Casa d’aste verrà suddivisa in due giornate di vendita: la prima dedicata ai libri a stampa dal XV al XX secolo, ai manoscritti ed ai documenti autografi; la seconda giornata vedrà all’incanto una sezione di disegni antichi ed una dedicata alla grafica dell’’800-‘900.

Il Catalogo on-line, dedicato all'asta conta 400 lotti tutti molto interessanti e ricercati pezzi di pregio di cui proponiamo solo alcuni top lot, come:

Du Halde Jean Baptiste
Description géographique, historique, chronologique, politique et physique de l'Empire de la Chine et de la Tartarie chinoise.
A Paris: P. G. Le Mercier, 1735.
Euro 15.000

Montesquieu Charles Louis (de)
De l'esprit des loix ou Du rapport que les loix doivent avoir avec la Constitution de chaque gouvernement, les moeurs, le climat, la religion, le commerce, & C. [...]
A Geneve: Chez Barrillot & fils, [1748].
Euro 8.000

Antonio da Vercelli
Sermones quadragesimales de XII mirabilibus christianae fidei excellentiis. (Nord Italia) 1450-75 ca.
Manoscritto su pergamena. 71 iniziali miniate a fondo oro e molte note manoscritte coeve.
Euro 14.000

Zocchi Giuseppe
Scelta di XXIV Vedute della Città di Firenze. 1744.
Euro 20.000

Umberto Boccioni
Reggio Calabria, 1882 - Verona, 1916
Periferia con ragazzi. 1908.
Acquaforte stampata in inchiostro sanguigna mm. 96x217. Foglio mm. 130X248. Esemplare rarissimo.
Euro 4.000

Alberto Martini
Oderzo 1876-Milano 1954
Les Orientales di Victor Hugo (ed. Paris, Hetzel, s.d.) con “miniature moresche” a china e acquarello dell'artista, firmato e datato 1917-1918. Esemplare unico.
Euro 22.000

Guercino, (seguace di)
Cristo Predica alle folle. Sec. XVII.
Euro 2.800

Giovan Battista Caracciolo
Allegoria del Tempo. 1604 ca.
Euro 1.500

Consulta il Catalogo On-Line

Leggi per intero ...

PHILIPPE DAVERIO INCONTRA I LIONS
UNO STREPITOSO SUCCESSO DI PUBBLICO
Domenica 19 Gennaio 2014 allo storico cinema Teatro Odeon
toscana (firenze) firenze

pubblicato il 20/01/2014 23:12:41 nella sezione "News & curiosità"
Una strada vincente quella ideata dai Lions della Toscana per far avvicinare le persone ai vari aspetti della cultura e al mondo Lions. Con il Progetto Lions Academy sono riusciti a vivacizzare anche una città come Firenze, storicamente diffidente e difficile.

Il secondo incontro previsto dal calendario era con Philippe Daverio, grande divulgatore dell’Arte con la A maiuscola, critico e giornalista, personaggio sicuramente conosciuto dal pubblico ma anche questo non basta a far muovere le persone sacrificando una mattinata domenicale.

Invece, la partecipazione all’evento è stata quella delle grandi occasioni nonostante il giorno festivo e l’argomento non proprio adatto a tutti.

Cosa ha fatto sì, allora, che i fiorentini storicamente ostici e aperti alla polemica, impiegassero la loro domenica per affollare lo storico cinema Teatro Odeon per ascoltare un critico d’arte che dialoga sul “Periodo incendiario futurista a Firenze?

Philippe Daverio è un critico molto seguito, che ha dalla sua una dialettica elegante, la capacità di risultare comprensibile a tutti e di condurre l’ascoltatore al ragionamento e all’interessamento a temi come arte e architettura ma, conoscendo il pubblico fiorentino e toscano in genere, tutto questo non basta.

Che sia l’inizio di quella mutazione dell’intelligenza collettiva di cui Daverio ha parlato? O forse davvero I Lions stanno riuscendo a far passare quel messaggio importante su chi sono e cosa hanno da offrire a questa società?

Comunque sia nelle due ore in cui il critico si è intrattenuto con il pubblico sono emersi ragionamenti che saranno sicuramente ottimi spunti di riflessione sulla fruizione dell’Arte oggi, sugli artisti e sulle politiche che gravitano intorno all’ Arte.

Philippe Daverio, sollecitato dal giornalista Enrico Gatta e dal Governatore Lions Fiorenzo Smalzi, per molti anni patron del Caffè Giubbe Rosse a Firenze, ha parlato del Futurismo, movimento nato a Parigi nel 1909, inquadrandolo, nell’atmosfera in cui si è formato.

Dal percorso affrontato ne è emersa una Firenze allora intellettualmente molto vivace, una città che con i Lorena aveva goduto, nel secolo precedente, di una certa libertà di pensiero che aveva attirato tanti artisti. In quell’Italia in cui i Caffè erano un punto focale di aggregazione intellettuale, l’arte diventa momento vivo di discussione, anche accesa, e Firenze ben si prestava alla discussione appassionata che ne scaturì.

Nonostante il grande fermento del periodo In Italia, ancora oggi, parlare del movimento Futurista non è sempre facile perché erroneamente è associato in toto al ventennio fascista come tutto ciò che artisticamente accadde in quel periodo. “L’Italia non ha digerito il ventennio – dice Daverio – ed è mancata una franca capacità di indagare sul periodo. Anche per questo nel dopoguerra con la ricostruzione si è optato per l’edilizia, spesso brutta, abbandonando l’Architettura che invece il ventennio aveva portato avanti.”

Ma l’incontro con Daverio è stato anche l’occasione per parlare dello stato delle cose in Italia oggi, della Firenze odierna definita da Daverio un “turistdrodomo visitato da tante tartarughe con il guscio dello zaino sulle spalle”.

Critico anche sul modo di fruire l’Arte ma anche nei nostri musei da lui definiti “ ospedali delle opere d’arte”.

Parlando degli artisti di oggi e del modo di fare Arte, Daverio ha ricordato che con la rivoluzione e la modernità i “committenti” sono necessariamente decaduti dal loro ruolo e oggi l’Arte vive del dialogo che intrattiene con la società. Alcune forme di arte, come la musica, hanno trovato la loro espressione comunicativa mentre pittura e scultura nel nostro paese hanno adottato quello che Daverio definisce il “sistema americano” che spesso ben poco ha a che vedere con i meriti artistici. Ma la crisi non è solo dell’arte ma della società tutta che non è più in grado di definire valori di riferimento.

Ancora tanti gli argomenti toccati nelle due ore di piacevole intrattenimento culturale che Philippe Daverio ha regalato a chi ha deciso di dedicare una tranquilla domenica alla cultura: dalla Biennale di Venezia, al ruolo dell’arte oggi con qualche intelligente stoccata, e qualche suggerimento, alla politica senza nessuna distinzione. L’Italia è un paese bizzarro dunque che sembra odiare gli artisti e i giovani, un paese che poco conosce del suo patrimonio artistico.

Roberta Capanni

Leggi per intero ...

IL VILLAGGIO DEI BAMBINI
Il Baby Parking ideale anche per breve tempo!
toscana (siena) chianciano terme

pubblicato il 07/01/2014 15:37:37 nella sezione "News & curiosità"
Ogni mamma sa quanto sia difficile organizzare il proprio tempo quando si hanno dei bambini piccoli, un impegno di lavoro o un imprevisto possono creare dei seri problemi di organizzazione. Il Villaggio dei Bambini è il luogo ideale per risolvere questi piccoli problemi con serenità, un luogo sicuro dove lasciare i propri piccoli a giocare e a divertirsi, senza iscrizioni e utilizzando la formula del pagamento a ore che permette massima libertà.
Leggi per intero ...

Cetona:La Scuola Di San Casciano Vince la Terza Edizione delle "Letterimpiadi"
toscana (siena) cetona

pubblicato il 23/12/2013 17:08:44 nella sezione "News & curiosità"
A cura di Alessandra Conforti

Per il terzo anno consecutivo è la Scuola Media di San casciano dei Bagni ad aggiudicarsi il primo posto nelle "Letterimpiadi", la manifestazione organizzata dall'Associazione Piazze2000 che vede le scuole di Cetona e San Casciano contrapporsi nella conoscenza di libri e autori scelti dall'Associazione in collaborazione con gli insegnanti di Lettere.
L'evento si svolge con vari giochi dove le classi I, II e III media si sfidano a colpi di autori e di logica. Protagonisti di questa terza edizione insieme agli alunni, Vamba con il suo Giornalino di Gian Burrasca, Orwell con La Fattoria degli Animali e Il Fabtasma di Canterville di Oscar Wilde. L'Associazione, con la voce del Presidente Margherita Biggera, si è fortemente congratulata con i ragazzi per la preparazione e la grande partecipazione a quella che sembra essere ormai diventata una grande sfida tra le due scuole e che, ogni anno, coinvolge ragazzi, insegnanti e genitori nonché i due Comuni partecipanti.
Nella bella location di Chiesa S.Lazzaro, sede dell'Associazione e della Biblioteca, è stata anche premiata la piccola Carlotta Del Grasso come più assidua frequentatrice della biblioteca.
Leggi per intero ...

Toscana : Fashion style e Swap Party in Valdichiana
toscana (arezzo) arezzo

pubblicato il 17/12/2013 17:23:08 nella sezione "News & curiosità"
a cura di Antonio Maprosti
direttore editoriale theweddingitalia

Ad Arezzo Corso su Fashion e Swap a tema Wedding...
Una bella iniziativa quella del Fashion Swap Party, svoltasi in Valdichiana a Foiano lo scorso sabato 8 dicembre 2013, nel negozio di abiti usati e vintage "Affari tuoi" in via d’Arezzo 162 che ha visto protagoniste esperte del settore fashion e di eventi, nonché della comunicazione come Elena De Toma consulente d'immagine e lifestylist You Chic, Cristina Salvi eventi, il fotografo Francesco Marino, il fotoreporter e cameraman Angelo Bianconi, la makeup artist Stefania Florini, il tutto presentato da Antonella Matassoni.

Complice della riuscita dell’evento anche la suggestiva location che, con i suoi 300 metri quadri, ha permesso agli organizzatori di dare vita a qualcosa di unico, se infatti lo swap si sta sempre più diffondendo e non è più una novità, questa volta si è saputo giocare con il tema fashion , fornendo un piccolo laboratorio per la consulenza di immagine e il successivo swap party con cupcakes e dolci di zucchero a tema.
Durante la prima parte dell’evento Elena de Toma, consulente d’immagine e personal shopper, ha consigliato alle donne presenti ma tra loro anche qualche futura sposa su come valorizzare al top il proprio aspetto. Elena è un’esperta in questo infatti, dopo aver studiato in un centro di alta formazione milanese, e metodologie innovative sull'armonia dei colori, ha deciso di fare della sua passione per il gusto del bello e moda una vera e propria professione.

Al corso e' seguito lo swap , Molto particolare e molto apprezzato dalle presenti, nel quale ogni donna ha potuto scambiare i propri abiti usati ed in eccellente stato con altri griffati. Una location ed atmosfera unica, dove le partecipanti si sono divertite con scarpette, borse e senza parlare degli immancabili cup cakes , ormai protagonisti di ogni festa chic che si rispetti!

E poi makeup e foto personalizzate. Divertente e interessante l’evento è stato un successo e stiamo tutti aspettando che si possa ripetere al più presto!
Leggi per intero ...

Intervista a Elena Barbanera, dalla Toscana alla Spagna Senza Paura di Cogliere le Occasioni della Vita
toscana (siena) cetona

pubblicato il 16/12/2013 09:15:11 nella sezione "News & curiosità"
A cura di Alessandra Conforti

Abbiamo incontrato Elena Barbanera, nata e cresciuta in un piccolo paesino in provincia di Siena, una ragazza giovane e dinamica che ha lasciato la sua Toscana per vivere e lavorare a Madrid. Seguendo le sue ambizioni e prendendo al volo le occasioni che le si sono presentate, oggi lavora in uno studio fotografico che realizza servizi per case di moda.
"Elena raccontaci la tua storia e il tuo percorso di vita

Sono arrivata in Spagna nel 2006 scegliendo di fare l’Erasmus a Salamanca. Inizialmente non ero molto convinta ma in tanti mi hanno consigliato questa città e infatti non sono più riuscita a tornare in Italia. Un po’ per amore un po’ per fare nuove esperienze, ho deciso di fare un Master in Disegno di Moda all’Istituto Europeo di Madrid. Da qui ho avuto l’occasione di fare uno stage presso l’ufficio stampa di Shell e grazie a una collega, ho conosciuto il mio attuale datore di lavoro e grande amico, Miguel Perez.
"Quindi la Spagna è stata una scelta casuale?

Si, l’ho scelta consigliata da amici per l’Erasmus e poi me ne sono innamorata.
"Parlaci del tuo lavoro. Cosa fai?

Innanzitutto non sono una fotografa! Anche se la fotografia è parte integrante del mio lavoro che consiste proprio nell’allestire set e fotografare abiti, a volte anche con modelle, per vendite on line o pubblicità. Ho avuto l’occasione di trovarmi al posto giusto al momento giusto, quando cioè, soprattutto nel settore della moda, la competenza straniera era molto apprezzata. Probabilmente oggi non avrei avuto le stesse possibilità.
"Prospettive per il futuro?

Al momento sono soddisfatta e serena e non cambierei niente.
"Quindi non pensi di rientrare in Italia?

No. Anche se perdessi il mio lavoro probabilmente andrei in un altro paese. Purtroppo l’Italia non mi ha offerto nulla di interessante dal punto di vista lavorativo anzi, a volte vengono sminuite le capacità professionali invece di valorizzarle.
"Quindi l’Italia non ti manca?

Si che mi manca. Soprattutto il posto in cui sono cresciuta, la campagna e la tranquillità Ormai però casa mia è questa e quando torno in Italia, pur avendo la mia famiglia e tanti amici, mi manca la Spagna. Insomma sono un tipo un po’ inquieto!
"Pensi che crescere in un piccolo paese di provincia ti abbia influenzato nelle scelte della tua vita?

Non saprei. Sicuramente mi ha influenzato l’educazione che ho ricevuto dai miei genitori e l’appoggio che mi ha sempre dato la mia famiglia.
"Quindi non pensi che vivere in provincia precluda delle possibilità?

Assolutamente no. Il mio è un piccolo paese ma credo che le persone abbiano una mente molto più aperta di quello che sembra. Poi credo che lo studio apra un mondo.
"Cosa consiglieresti ai giovani che crescono in questi piccoli paesi e magari pensano di essere “fuori dal mondo”?

Di guardare sempre altre realtà perché tutto è relativo. Penso che siamo privilegiati ad essere nati e cresciuti in un ambiente sano e che dovrebbero guardare meno il cellulare e guardarsi più attorno. L’importante è seguire sempre i propri sogni e lasciarsi andare alle occasioni che passano perché il rimpianto è la cosa più brutta che ci sia nella vita di una persona. Inoltre vorrei dire che il mondo è pieno di possibilità e di opportunità.

Leggi per intero ...

A Chiusi Si Gioca Insieme Anche a Natale
toscana (siena) chiusi

pubblicato il 11/12/2013 09:48:45 nella sezione "News & curiosità"
a cura di Alessandra Conforti

La Proloco di Chiusi propone, anche nelle festività natalizie, una serie di appuntamenti per i più piccoli per stare insieme, giocare e divertirsi. Per ragazzi dai 3 ai 14 anni, nei giorni 23,24,27 e 28 dicembre e il 2, 3 e 4 gennaio 2014, propone attività per tutti i gusti. Dalla preparazione di biglietti di auguri, segnaposto e addobbi per l'albero, alle letture animate, passando per le storie e le tradizioni del nostro Natale e arrivando fino alla degustazione dei dolci più buoni. Una bella iniziativa per stare insieme, giocare e imparare divertendosi nel Comune di Chiusi.
Leggi per intero ...

Inaugurato il Nuovo centro Estetico"LiberaMente": Relax e Benessere Per Tutti i Gusti
toscana (siena) cetona

pubblicato il 05/12/2013 15:52:44 nella sezione "News & curiosità"
a cura di Alessandra Conforti

Di nuova, nuovissima apertura il beauty center "LiberaMente" di Federica Fabbianelli, giovane e intraprendente imprenditrice toscana che ha deciso di portare benessere e bellezza nella piccola frazione di Piazze (Cetona). Così ristrutturando e arredando con eleganza e stile un piccolo fondo nel centro del paese Federica ha inaugurato la sua nuova attività lo scorso 1 dicembre e il nome la dice lunga..."LiberaMente" per avere la libertà di stare bene con se stessi e per riuscire a liberarci dallo stress e dalla frenesia che ci accompagnano ogni giorno. Colori pastello e luci soffuse all'insegna della cromoterapia, ci accolgono infatti regalando subito un senso di tranquillità e pace. Numerosi i trattamenti nel "menù", da quelli più legati all'estetica come manicure o peelig, a quelli mirati al benessere di corpo e mente come massaggi a viso e corpo. Un tuffo nel benessere quotidiano quindi per affrontare al meglio la quotidianità!
Leggi per intero ...
Clicca sui numeri per scorrere le news
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7
Cerca nel sito


AGRITURISMO SAN GALLO

toscana (siena) montepulciano

HOTEL PLAZA****

toscana (siena) chianciano terme

GRAND HOTEL CAPITOL****

toscana (siena) chianciano terme

HOTEL VILLA AMBRA ***

toscana (siena) montepulciano

AGRITURISMO LA PIETRICCIA

toscana (siena) chianciano terme

HOTEL RINASCENTE ***

toscana (siena) chianciano terme

HOTEL POSTA ***

toscana (siena) chianciano terme
Banner Sinistra
Banner Destra
Le migliori attività

Fattoria Pianporcino "Pienza"

toscana (siena) pienza

Osteria Acquacheta "Montepulciano"

toscana (siena) montepulciano

Scuola di danza Ali di Luce

toscana (siena) chianciano terme

Le Bertille "Montepulciano"

toscana (siena) montepulciano

Ristorante l'Assassino "Chianciano Terme"

toscana (siena) chianciano terme

Maestri del cotto "Città della Pieve"

umbria (perugia) città della pieve

Great Estate "Toscana"

toscana (siena) san casciano dei bagni

Cantine RAVAZZI "San Casciano dei Bagni"

toscana (siena) san casciano dei bagni
Banner Sinistra
Banner Destra
 
ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News & curiosità
ZUCCHE GIGANTI SI SFIDANO IN TOSCANAA Foiano della Chiana la sfida delle zucche
TORNA LA CITTADELLA ECOLOGICA DI LEGAMBIENTE TOSCANADal 2 al 4 ottobre a Villa Montalvo
PASCOLO 2.0 PECORE COL CHIP E OVILE COMPUTERIZZATO PER IL PASTORE PIU HI TECH DITALIAIn Maremma si fondono tradizione e innovazione
ANCORA SELEZIONI AL TERME DI CHIANCIANO GARDEN FESTIVALFino a un massimo di 8 i progettisti selezionati
SANTISSIMA TRINITA TRIONFA ALLA GIOSTRAVince il giovanissimo Giacomo Perugini
Eventi & feste
UNO STILE DI VISTA PI SOSTENEBILE?Se ne parla a Cetona Sul filo dell’olio
TOSCANA ARCOBALENO DESTATE 2016Tanti eventi per festeggiare larrivo dellestate
TORNANO A PIAZZE LE LETTERIMPIADIAnche quest’ anno Piazze2000 organizza la sfida letteraria
ARRIVA IL TERME DI CHIANCIANO GARDEN FESTIVALCompetizione internazionale per garden designer e non solo
IN TOSCANA HALLOWEEN SI PASSA ALLE TERME Una serata mostruosamente rilassante alle Terme Sensoriali di Chianciano
Storia & musei
CHIUSI DINVERNOTutte Le Iniziative Per Scoprire Chiusi Anche in Inverno
Santa Maria della Scala dal gennaio 2010 allagosto 2013 registrati 155mila ingressi
Parco Museo Minerario Abbadia San Salvatore
MAEC Museo dellAccademia Etrusca e della Città di Cortona
Pedalando Nel Passato Storie Di Uomini E Di Mestieri Firenze dal 20 giugno al 17 novembre 2013
Chiese & monasteri
Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta
Eremo Francescano Le Celle  Cortona
Abbazia di Spineto Sarteano
Monastero di Abbadia San Salvatore
Chiesa di San Biagio Montepulciano
Dove Mangiare
RistoPizza Tribeca
Ristorante La Grotta
LA TORAIADove mangiare i veri hamburgersdi carne Chianina
Gattavecchi (La Cucina Di Lilian)
Ristorante Degli Archi  a San Quirico dOrcia
Enogastronomia
RICETTE DELLA TRADIZIONE TOSCANADal Rinascimento a oggi
LE ORIGINI DEL PANFORTEStoria e leggende del dolce toscano più famoso
Ad Arezzo Campionato Nazionale di Cucina Contadina
Intorno a Chianciano il vino è meglio dell’acqua alle Buche di Giuseppe Olivi a Sarteano
L’azienda Marchesi De’ Frescobaldi e Bar Smalzi ti invitano il 10 Ottobre a Firenze
Mostre & fiere
GIOCHIAMO?A Chiusi in mostra i giocattoli di una volta
A CHIUSI VOLTI DI DONNAUn Viaggio alla Scoperta della Donna dagli Etruschi a S.Mustiola
Sotto la neve fiabe... a Siena
Inaugurazione mostra Icone Sacre Giovedì 26 settembre 2013 al Museo Civico di Montepulciano
Firenze - Parigi Andata e Ritorno
Terme & spa
FESTIVIT E BENESSERE ALLE TERME DI CHIANCIANOUn mese ricco di offerte
THEIA nuovo complesso di piscine termali a Chianciano Terme
Hotel di charme a MontepulcianoEtruria Resort & Natural Spa
Living in Valdorcia la nuova agenzia immobiliare di casali e rurali in Val dOrcia
Centro Olistico La Mano Madre
Territorio
Hotel Italia: hotel 3 stelle a Siena vicino al centro storico della città del Palio
I 10 BORGHI DA VISITARE ASSOLUTAMENTE IN TOSCANAPer il tuo week  end di relax in Toscana
Bagno Vignoni (Siena)
Il crocifisso di Antonio da Sangallo esposto all’Abbazia di Spineto
Le Vie Cave di Pitigliano
Sport & salute
PEDALONGA TRA I LAGHI DI CHIUSI E MONTEPULCIANOIn provincia di Siena una manifestazione ciclo-culturale-conviviale-enogastronomica
ENDOCRINOLOGIAAumento di peso ingiustificato e fame indomabile
Ripartono i corsi di danza alla scuola Ali di Luce anche a Sarteano.
Nordic walking a Pietraporciana
24° granfondo del Brunello e della Val d’Orcia
Servizi e shopping
Quasi una magiaLa Bottega Bedeschi
Rinomata Rameria Mazzetti a Montepulciano
Volo e Colazione in mongolfiera in toscana
Valdichiana Outlet Village
Chinediferro di Giulio Pellegrini
Offerte
Offerta Etruria Spa a Montepulcianoa partire da . 10900 a coppia
Offerta speciale libro fotografico Beatificazione Giovanni Paolo II
Prova Gratuita corsi di danza scuola Ali di Luce Chianciano Terme
Offerta Hotel Villa Ricci Chianciano Terme
Serata romantica Hotel Moderno a Chianciano Terme